NOEMA Home › STUFF
Tecnologie e Società

 

Autore: Domenico Parisi
Luogo: Bologna
Editore: Il Mulino
Anno: 2001
Lingua: Italiano
Allegati: nn
Prezzo: 18.59 €
ISBN: 88-15-07903-3

Simulazioni. La realtà rifatta al computer
Recensione di Simona Caraceni


Questo libro è frutto di trent’anni di lavoro al CNR, ad opera di Domenico Parisi e di tutti i ricercatori che lo hanno affiancato nelle sperimentazioni sull’uso delle simulazioni. E questi trent’anni si sentono tutti, nell’autorevolezza e nella accuratezza adoperata per descrivere e per aiutarci a capire come le simulazioni possono divenire il fulcro non solo nelle scienze della natura, ma anche nelle scienze umane.

Iniziamo ad intenderci sull’uso di alcuni termini. Per prima cosa Parisi si preoccupa di definire cosa è la scienza, nata nel 1600 dalla rivoluzione scientifica che propone la formulazione di teorie in termini quantitativi, e che mette in stretta relazione fatti e teorie. Ma l’autore individua nello scarso dialogo fra teorie e fatti empirici il più grande limite della scienza, limite che può essere superato tramite l’uso delle simulazioni. Parisi definisce le simulazioni come una teoria scientifica espressa non più tramite simboli, ma come se fosse un programma di un computer.

La simulazione è una forma di realtà artificiale, e su questa definizione bisogna intendere bene cosa consideriamo come realtà e ciò che lo studioso definisce come simulazioni. Se come realtà intendiamo tutto quello che esperiamo tramite i nostri sensi, ciò su cui noi possiamo agire, che rappresenta anche il limite naturale per le nostre azioni ed il veicolo per le stesse, le simulazioni della realtà ci permettono di comprendere meglio questa realtà. L’innovazione in tutto questo processo è data dall’utilizzo del computer, macchina che permette non solo di visualizzare dati statici ma di compiere operazioni con essi, siano questi dei semplici numeri oppure fatti, elementi della realtà, aiutandoci nel processo di comprensione del mondo che ci circonda o che ci ha circondato, come nel caso di simulazioni che potrebbero aiutare le discipline storiche.

In questo volume infatti sono presenti accuratissimi capitoli che ci aiutano a comprendere cosa sono le simulazioni, ciò che esse non sono, e come si possono applicare nell’ambito delle scienze umane sincroniche (come la fisica, la psicologia, la linguistica chomskiana o la sociologia), ma anche nelle scienze umane diacroniche, e cioè la storia, l’archeologia, la paletnologia o la linguistica storica.

Pro: La teoria delle simulazioni presentata in questo libro potrebbe rivoluzionare molte discipline e il nostro modo di studiare i fatti e la realtà
Contro: Bisognerebbe dare più visibilità a queste teorie, fornendo dei materiali interattivi o risorse web per permettere a tutti i ricercatori che vogliono approfondire l’argomento di potersi rendere conto dell’utilità delle simulazioni nelle loro discipline














Cerca dentro NOEMA - Search inside NOEMA



Iscriviti! - Join!

 

RSS

 

Top