NOEMA Home › STUFF
Tecnologie e Società

 

Autore: Michael Dertouzos
Luogo: Milano
Editore: Apogeo
Anno: 2002
Lingua: Italiano
Allegati: nn
Prezzo: 18,90 €
ISBN: 88-7303-933-2

La rivoluzione incompiuta
Recensione di Simona Caraceni


Michael Dertouzos è morto nell’Agosto del 2001. Me lo immagino attorniato dai sistemi Mercury, Jupiter e Pegasus, intento a prenotare alberghi e voli d’aereo da una parte all’altra del globo senza muoversi dall’ufficio dove si trova, senza toccare un terminale, ma solo conversando amabilmente con un "sistema intelligente" computerizzato. Lo immagino mentre chiede ad un sistema viva-voce collegato al web che tempo è previsto ad Atene nel prossimo fine-settimana. Lo immagino mentre si fa guidare da un valido Assistente portatile e parlante, alla ricerca del percorso migliore per raggiungere un buon ristorante in una città sconosciuta.

Non è la proiezione di Michael Dertouzos in paradiso che sto immaginando, ma alcuni degli episodi di La rivoluzione incompiuta, l’ultimo libro che ha scritto, in cui egli descrive parte delle sue esperienze alla direzione del Laboratory of Computer Science del MIT negli ultimi trent’anni. Dertouzos è stato sotto molti punti di vista un uomo fortunato. Scopo di tutte le sue ricerche è sempre stato riavvicinare la tecnologia all’uomo, rendendola facile da usare, anche nelle sue funzionalità più avanzate.

L’interazione con la tecnologia, negli sforzi di Dertouzos e di quanti lo affiancarono e di coloro continuano la sua opera al MIT, deve diventare sempre più comprensibile e semplice per ogni tipo di utilizzatore, non solo quello esperto di come ragiona il World Wide Web ed i sistemi complessi. Solo in quest’ottica è possibile fare realmente passi in avanti nella evoluzione umana, riuscendo a creare macchine che riescano a facilitarci nei compiti di ogni giorno solo con semplici comandi vocali, senza che sia necessario ripetere venti volte gli ordini come per le odierne centraline da cento euro che rispondono agli Help Desk della purtroppo quasi totalità dei numeri verdi.

La rivoluzione incompiuta apre le menti alla riflessione, quanto mai lucida e realistica, del capire cosa possono realmente fare le macchine per migliorare la nostra vita, e come noi possiamo divenire protagonisti attivi di questo meraviglioso processo.

Pro: È un testo fondamentale, anche per i non addetti ai lavori, per accorgersi che il processo di innovazione delle nuove tecnologie è ben lungi dal fermarsi, oltre ogni nostra più rosea previsione
Contro: Come ogni testo che proponga previsioni, nonostante Dertouzos non abbia quasi mai sbagliato, l’impressione del lettore potrebbe essere uno scettico "staremo a vedere"














Cerca dentro NOEMA - Search inside NOEMA



Iscriviti! - Join!

 

RSS

 

Top