NOEMA Home › STUFF
Tecnologie e Società

 

Autore: Luca Toschi (a cura di)
Luogo: Milano
Editore: Apogeo
Anno: 2001
Lingua: Italiano
Allegati: CD-ROM
Prezzo: 25,31 €
ISBN: 88-7303-879-4

Il linguaggio dei nuovi media
Recensione di Simona Caraceni


Cosa vuol dire lavorare nella realizzazione di un prodotto multimediale? Quali sono le basi teoriche, le pratiche d’uso consolidato, le prassi ed il background culturale che entrano in giuoco negli operatori che lavorano insieme per realizzare CBT, Cd-rom, siti web interattivi o qualunque altro oggetto multimediale? Questo testo fornisce un grande aiuto a chi si avvicina alla materia, ma anche a chi lavora da tempo nel settore.

Elaborato nell’ambito del CRAIAT (Centro Ricerche e Applicazioni dell’Informatica all’Analisi di Testi) dell’Università di Firenze, il testo si distingue da molti altri per il fatto di tendere ad analizzare i principi comuni del linguaggio multimediale, riuscendo ad essere libero da pericolosi legami con determinati software o hardware, e mettendo a disposizione del lettore la decennale esperienza nel settore dei vari esperti che ne curano le parti.

Il testo si apre con l’intervento di Tommaso Tozzi su come realizzare una sceneggiatura multimediale, ed oltre alle indicazioni operative su come fare, e come organizzare il gruppo di lavoro, si inizia a delineare il concetto che la comunicazione multimediale ha basi storiche e teoriche profonde e consolidate nel nostro background culturale, ma probabilmente mai stigmatizzate od analizzate nel dettaglio. Basti pensare al cinema od al teatro, ed all’importanza che rappresenta una buona sceneggiatura nella riuscita di un film o di uno spettacolo teatrale.

Alessandra Anichini invece guida il lettore nella comprensione delle nuove modalità di trasposizione di testi per pagine web, o pagine di altri supporti multimediali: come cambi la lettura dell’utente, e come di conseguenza dovrebbe cambiare la redazione e la scrittura di testi per prodotti multimediali.
Giorgio Cognini si occupa in questo libro di illustrare le principali peculiarità di svariati editor multimediali in commercio, partendo dall’HTML e dal World Wide Web, ma senza perdere di vista l’importanza che ha il considerare sempre la totalità del progetto multimediale anche nelle singole pagine.
Giorgio Contini da importanti notizie operative su come strutturare il l’interfaccia dal punto di vista grafico, dal layout visuale alla scelta dei font, mentre Lelio Camilleri contribuisce con un capitolo sul suono, e Pierangelo Bonazzoli sul video digitale. L’ultimo capitolo a cura di Barbara Gualtieri è inerente l’attuale legislazione sul diritto d’autore, e gli aspetti legali che si intersecano con la produzione di oggetti multimediali.

Pro: Le ottime bibliografie alla fine di ogni intervento, i suggerimenti operativi degli “addetti ai lavori” e la competenza con cui vengono trattati gli argomenti ne fanno un testo fondamentale per chi inizia ad approcciare l’elaborazione di contenuti multimediali.
Contro: Addentrandosi nei singoli contributi si rischia di perdere lo "sguardo dell’insieme" che dovrebbe mantenere ogni operatore di un progetto multimediale, anche se l’incisività degli interventi di Tozzi e Toschi riescono comunque a farci ricordare che un buon prodotto multimediale si può realizzare solo in squadra.














Cerca dentro NOEMA - Search inside NOEMA



Iscriviti! - Join!

 

RSS

 

Top