NOEMA Home SPECIALS › La rivoluzione del Terzo Millennio e i paesi poveri
Main
La nuova comunicazione
Situazione attuale
Prospettive di sviluppo
I Paesi poveri visti da vicino
Campi di applicazione
Progetto "Telesalute in Africa"
Rischi
Bibliografia e sitografia

 

La rivoluzione del Terzo Millennio e i paesi poveri

di Chiara Giannatiempo

 

[Ricerca realizzata per il Corso di Teoria e tecniche delle comunicazioni di massa
(prof. Pier Luigi Capucci), DAMS, Università di Bologna, A.A. 2001/2002
Programma del corso: nuovo ordinamento (pdf, 10 Kb); vecchio ordinamento (pdf, 12 Kb)]

 


Copyright 2002, Matthew Zook - http://www.zooknic.com

 

Alcuni dati dimostrano che la diffusione della tecnologia lungi da essere un processo realmente globale, ha delle caratteristiche piuttosto disomogenee. I Paesi (OCSE) sviluppati dispongono dell'80% di utenti Internet al mondo. Quasi tutta la ITC (Information and Communication Technology) è prodotta dal 15% della popolazione mondiale, concentrata per la maggior parte nei Paesi industrializzati. Solo la metà della popolazione mondiale ha luce e telefono necessari per utilizzare queste tecnologie. Stati Uniti e Canada hanno da soli il 57% dei navigatori.