NOEMA Home › IDEAS
Tecnologie e Società

 

Gli effetti sociali di Internet
Mattia Miani

 

Nel 2000 la comunità scientifica ha cominciato a rispondere alla domanda sugli effetti di Internet sulla vita sociale dell'individuo. Sono state infatti pubblicati i risultati di tre ricerche di ampio respiro che in comune hanno l'uso di metodi quantitativi di analisi dei dati e la raccolta d'informazioni tramite strumenti standardizzati, come questionari.

La prima è stata realizzata dallo Stanford Institute for the Quantitative Study of Society (SIQSS). Semplificando al massimo, la principale conlcusione è stata che chi usa Internet trascorre meno tempo con amici, parenti e fuori casa.

Di segno diametricalmente opposto una ricerca dell'esperto canadese di social networks, Barry Wellman. I dati della sua analisi sono tratti da un sondaggio on-line condotto dal sito del National Geographic nell'autunno del 1998 noto come Survey 2000. Benché si tratti di una base dati enorme, oltre 55.000 casi, per stessa ammissione degli studiosi il campione non risponde a tutti i crismi della statisticità. Comunque, dati alla mano, Wellman mostra come Internet e email non sostituiscano le relazioni con amici e parenti, ma vadano ad aggiungersi al mix di strumenti di comunicazione dell'individuo.

Un terzo importante studio sugli effetti sociali di Internet si deve allo UCLA Center for Communication Policy. Il suo sforzo analitico cerca di dipingere l'uso delle nuove tecnologie e il suo "non uso" nella società americana contemporanea. Colpisce scoprire che il 42% degli americani usi oggi l'email ogni giorno.

La società tratteggiata dal rapporto è una società che crede ai benefici delle nuove tecnologie ed è soddisfatta di quello che può avere da Internet. Sul problema di fondo - se Internet cambi il comportamento sociale dell'individuo - la risposta è generalmente no (non ci sono differenze per esempio nel tempo passato a socializzare con amici). Le uniche differenze sembrano minime e contradditorie: gli utenti passano un po' meno tempo a socializzare con altri membri della famiglia, ma dedicano anche un po' più tempo al volontariato. Inoltre sono, in generale, più soddisfatti della vita e si sentono meno soli.

I risultati di queste ricerche vanno ovviamente ben oltre quanto riportato in queste note. Comunque, già da quanto scritto, dovrebbe emergere come, ancora una volta, Internet sia un fenomeno complesso e sfaccettato su cui non ci sono punti fermi.

- Stanford Internet Study

- The UCLA Internet Report: Surveying the Digital Future

- "Does the Internet Increase,Ignore, Decrease or Replace Contact with Friends and Relatives? The Evidence from the National Geographic Web Survey" (Barry Wellman, University of Toronto)

http://www.stanford.edu/group/siqss/
http://www.ccp.ucla.edu/pages/internet-report.asp
http://www.chass.utoronto.ca/~wellman/publications/index.html














Cerca dentro NOEMA - Search inside NOEMA



Iscriviti! - Join!

 

RSS

 

Top