NOEMA Home › IDEAS
Tecnologie e Società

 

La normalizzazione di Internet
Intervista a Steven M. Schneider

Mattia Miani

 

Nel corso di un'intervista a Utica (NY), abbiamo chiesto un opinione sul rapporto di Media Metrix a Steven M. Schneider, uno studioso di comunicazione politica che ha partecipato al progetto Netelection.org, il principale studio sull'uso elettorale del web nelle elezioni americane del 2000.

Ecco cosa ci ha risposto:

Prima di tutto la metrica usata da Media Metrix può confondere le idee. Parlare di minuti trascorsi su siti o servizi quali AOL, Microsof, Napster o Yahoo ci dice davvero poco. Diverso sarebbe se sapessimo il tempo trascorso su specifiche funzionalità su siti determinati. L'unica cosa che questo dato ci dice è il tempo durante il quale, probabilmente, gli utenti hanno avuto sotto gli occhi il logo di una di queste property.

Fatta questa premessa, ovviamente il dato è importante per sue implicazioni economiche. La preponderanza di poche property rischia infatti di concentrare anche le risorse derivanti dalla pubblicità on-line. Questo solleva dei problemi di regolazione (policy).

Inoltre, molti dei siti principali di queste property non sono siti di contenuto, ma siti di indirizzamento nella rete. Prendiamo il caso di Yahoo!. Un sito come quello potrebbe decidere a un certo punto di non elencare più nella sua directory il mio sito. Dato la fetta di pubblico che controlla, questo è un potere notevole, che non può essere facilmente regolamentato. Uno dei pericoli nella dominanza di questo tipo di siti è che essi possono favorire certi content provider a scapito di altri.

Dichiarazione rilasciata a Mattia Miani, 30 Agosto 2001, Utica (NY)

http://www.jup.com/company/pressrelease.jsp?doc=pr010604
http://www.netelection.org














Cerca dentro NOEMA - Search inside NOEMA



Iscriviti! - Join!

 

RSS

 

Top