NOEMA Home › IDEAS
Tecnologie e Società

 

InnovAction - Knowledge, Ideas, Innovation
Andrea Sarto

 

Udine Fiere
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Università degli Studi di Udine

InnovAction - Knowledge, Ideas, Innovation
Udine Fiere
15 - 18 febbraio 2007 2' edizione

Seconda Edizione di InnovAction
A Udine il Salone della Conoscenza, delle Idee e dell'Innovazione al servizio delle Imprese
Interverranno i ministri Padoa-Schioppa e Nicolais. Tra i big Fitoussi e Negroponte

Sarà il Ministro dell'Economia e delle Finanze Tommaso PadoaSchioppa, insieme al Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Riccardo Illy, a dare ufficialmente il via alla seconda edizione di InnovAction, il Salone della Conoscenza, delle Idee, dell'Innovazione al servizio delle Imprese che, forte dei risultati ottenuti nel 2006, si terrà nei padiglioni di Udine Fiere dal 15 al 18 febbraio 2007, una vetrina dell'eccellenza, per confrontarsi e beneficiare della "contaminazione" tra idee, conoscenze e innovazioni che rappresentano l'avanguardia tecnologica a livello mondiale. Prevista invece all'evento di chiusura la presenza del Ministro per la Funzione Pubblica e l'Innovazione, Luigi Nicolais.

Il Salone InnovAction è promosso dalla Regione Autonoma Venezia Giulia in collaborazione con l'Università di Udine e di Udine Fiere, ed è una delle iniziative che la Regione presieduta da Riccardo lIIy ha messo in atto in questi anni per istituire un collegamento sempre più stretto fra le imprese e il mondo della ricerca, per promuovere e diffondere in modo capillare l'innovazione.

Con circa 600 espositori, provenienti da tutta Italia e da diversi Paesi europei tra i quali le vicine Austria, Croazia e Siovenia, incontri e dibattiti tra le star e i protagonisti internazionali dell'innovazione nella ricerca e nella cultura, i rappresentanti del Governo nazionale e locale presenti, InnovAction realizza il contatto tra il mondo della ricerca, delle imprese, della finanza e le istituzioni pubbliche.

Il Salone InnovAction partecipa della stessa vocazione all'internazionalità della Regione che lo ospita, anello di collegamento tra il Centro-Est europeo e l'Estremo Oriente e sarà espressione e momento di incontro dell'eccellenza nella ricerca e nell'innovazione nazionale ed internazionale. Infatti, i partecipanti rappresentano aziende Università e Centri di Ricerca che ad InnovAction presenteranno gli ultimi ritrovati del lavoro di ricerca, innovazioni di prodotto e di processo realizzate nel proprio campo di attività.

Il Salone InnovAction sarà soprattutto un'occasione unica di incontro con i protagonisti internazionali della cultura, della ricerca e delle istituzioni impegnati in diverso modo e in diversi settori nei processi di innovazione. Nutritissimo infatti il programma di incontri, forum, tavole rotonde ed eventi.
In particolare l'edizione 2007 vedrà, tra gli altri, la partecipazione agli eventi di apertura e chiusura del Salone organizzati da Ambrosetti-The European House di Jean-Paul Fitoussi, Nicholas Negroponte, Oerrick de Kerckhove e Jonas Ridderstraale.

Tra i cicli di dibattiti, l'Università di Udine ha coordinato un singolare "Torneo dei Paradigmi" che si sviluppa attraverso dibattiti aperti tra due o più "campioni" che rappresentano posizioni diverse e spesso contrapposte su specifiche tematiche relative al progresso tecnologico e ai suoi riflessi sociali, un confronto serrato tra idee e soluzioni che interessano diversi ambiti: dalla medicina alla gestione e produzione dell'energia, dalle nanotecnologie alle biotecnologie vegetali.

Protagonisti dell'innovazione anche nel nutrito programma di eventi culturali con ospiti del mondo dell'arte che prevede un concerto di Giovanni Allevi e incontri con Martin Ware e Alejandro Jodorowsky. Tra gli eventi culturali Immagini del futuro, una Rassegna cinematografica, in cinque appuntamenti tra scienza e fantascienza, con un programma itinerante tra i quattro capoluoghi di provincia del Friuli Venezia Giulia e che si svolge anticipatamente rispetto ai giorni del Salone.

All'interno di InnovAction, anche un percorso preferenziale per i più giovani, InnovAction Young, individuato a cura di studenti universitari e animatori scientifici per guidare le classi di studenti, che visiteranno la manifestazione, presso gli spazi di aziende che offrono gli spunti più significativi per il pubblico della scuola secondaria e della formazione post secondaria (universitaria e non).
Evento internazionale e di grande respiro europeo, il Salone InnovAction sarà la cornice ideale per la cerimonia di premiazione dei vincitori del primo European Innovation Award, promosso dalla

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia insieme all'AER (Assemblea delle Regioni d'Europa) la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa, che rappresenta 12 organizzazioni interregionali e 250 regioni provenienti da 30 Paesi, di cui è Presidente lo stesso Riccardo lIIy. Il premio è stato ideato quale riconoscimento all'operato di autorità e istituzioni Regionali Europee che abbiano stimolato, sostenuto e implementato l'innovazione sul proprio territorio.

L'ingresso al Salone InnovAction è libero, previo accredito sul sito www.innovactionfair.com. dove si possono ricevere dettagliate informazioni su programma, eventi, espositori e servizi.

Gli stand degli espositori saranno aperti tutti i giorni dalle h. 9.00 alle h. 18.00 e venerdì 16 febbraio fino alle h. 21.00. Altri eventi proseguiranno oltre l'orario di chiusura degli stand secondo il programma dettagliato e aggiornato sul sito della manifestazione.

Udine Gorizia e Fiere spa Comunicazione
Maria Luisa Rosso
Tel. 0432 495609
Fax 0432 401378
rosso@udine goriziafiere.it
www.udinegoriziafiere.it

InnovAction
15-18 Febbraio 2007 - Fiera di Udine
Informazioni su programma, eventi, espositori, servizi, accredito on-line: www.innovactionfair.coli
per ulteriori informazioni:
D'Antona&Partners Strategie di Comunicazione Andrea Sarto
tel. 02 854570 l
cell. 348 4928491
a.sarto@dandp.it www.dandp.it


Al via la seconda edizione di InnovAction alla presenza del ministro Padoa Schioppa: “Necessaria per il Paese e per l’Europa una maggiore politica europea. Ripresa in atto ed esito favorevole possibile”.

Il Presidente Illy: “innovazione indispensabile per competere a livello globale”

Alla regione spagnola dell’Aragona il primo European Award for Innovative Regions.
21mila mq per 600 espositori, 150 eventi e 276 relatori tra i quali oggi Fitoussi e domani Negroponte.

Alla presenza del Ministro dell’Economia e delle Finanze Tommaso Padoa-Schioppa, del segretario Generale dell’ARE-Assemblea delle Regioni d’Europa, Klaus Klipp e del Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Riccardo Illy, è stata ufficialmente inaugurata la seconda edizione di InnovAction, il Salone della Conoscenza, delle Idee, dell'Innovazione al servizio delle Imprese che si tiene nei padiglioni di Udine Fiere dal 15 al 18 febbraio 2007.

Promosso dalla Regione Friuli Venezia Giulia, con la collaborazione dell’Università di Udine e di Udine Fiere, InnovAction ha come principale obiettivo quello di permettere un contatto e quindi una benefica contaminazione tra il mondo della ricerca, delle imprese e della finanza.

Nel corso dell’evento inaugurale, organizzato da Ambrosetti-The European House e moderato da Gianfranco Fabi, vicedirettore de IlSole24Ore, ha portato i saluti agli intervenuti il Sindaco di Udine, Sergio Ceccotti.

Il Presidente di Udine e Gorizia Fiere spa, Sergio Zanirato, ha sottolineato l’importanza del Salone che oggi si inaugura: “Non solo un contenitore ma un valore chiamato ‘qualità’, per noi stessi e per gli interlocutori con cui la Fiera si rapporta ogni giorno e che con InnovAction raggiunge punte altissime, impegnative e gratificanti. InnovAction è, forse, la punta di diamante delle fiere regionali, e non solo, e attraverso questa manifestazione si esprime il nuovo ruolo e la mutata natura delle fiere: non più e non solo momento economico - commerciale e di esposizione materiali, bensì luogo di relazioni, di valori intangibili che, fanno e faranno la differenza”.

Di “innovazione come accettabilità sociale” ha parlato il Rettore dell’Università degli Studi di Udine, Furio Honsell che festeggia il 50° brevetto presentato dall’Ateneo: “Non basta concentrarsi sull’innovazione di prodotto – ha sottolineato -, la vera innovazione è quella di tipo organizzativo, quella che investe i paradigmi sociali. Ma la percezione del mutamento non è sempre positiva. L’innovazione, infatti, ha un’evoluzione simile a quella delle specie biologiche: la più forte diventa la specie dominante”. Facile capire, quindi, anche perché l’ateneo friulano ha promosso una fiera di questo genere: “A Udine – ha spiegato Honsell - abbiamo voluto insegnare ai nostri ricercatori che essere consapevoli delle implicazioni gestionali del proprio progetto significa offrire una valore aggiunto alla ricerca”.

Nel descrivere quello che per la Regione è l’obiettivo innovazione, il Presidente Riccardo Illy ha ricordato che “il Friuli Venezia Giulia è consapevole che l’innovazione sia indispensabile per competere a livello globale”. “Una consapevolezza anche maggiore - ha sottolineato Illy - in considerazione del fatto che la Regione confina con due partner come Austria e Slovenia dove, ad esempio, la tassazione del reddito d’impresa è nettamente inferiore, mentre la Slovenia godrà nei prossimi anni dei fondi strutturali europei (Obiettivo 1)”. Illy ha dunque auspicato che il sistema Paese “sia in grado di ridurre proprio questa tassazione del reddito d’impresa seguendo l’esempio dell’Irlanda e riesca a varare la riforma previdenziale. Innovare, cioè aumentare la produttività e incrementare il tasso di conoscenza di prodotti e servizi, è la miglior ricetta per competere”. Illy ha poi ricordato i provvedimenti e le misure della Regione a favore dell’innovazione e in particolare il ruolo della Regione per rendere disponibili le risorse (umane, della conoscenza, finanziarie, materiali ed amministrative) e per “promuovere la diffusione della cultura dell’innovazione” presso tutti i cittadini, il sistema economico e le istituzioni del territorio.

Ospite d’onore Jean-Paul Fitoussi, Presidente del Consiglio Scientifico e Professore di Economia presso l’Institut d’Etudes Politiques di Parigi e Presidente dell’Observatoire Français des Conjonctures Economiques. L’economista francese, descrivendo lo scenario economico europeo ha indicato una prospettiva a lungo termine non del tutto positiva per l’Europa. Per l’economista francese “Il problema dell’Europa è politico e dipende dalla mancanza di un Governo europeo”. Abbiamo fatto una grande economia, la prima del mondo per il PIL, ma abbiamo fatto un governo particolare, federale, di agenzie indipendenti. Abbiamo fatto delle regole che sono convenienti solo per le piccole economie.” Tra le prospettive di soluzione, la proposta di Fiossi è “fare una comunità europea dell’ambiente e della ricerca che metta al suo cuore l’innovazione nelle nuove tecnologie dell’energia e dell’ambiente. L’Europa – ha concluso Fitoussi – è in anticipo rispetto a USA e Giappone e può mettere in campo tecnologie veramente competitive sul mercato globale”.

Nel corso dell’intervento che ha concluso l’evento inaugurale del Salone, il ministro Tommaso Padoa Schioppa ha sottolineato che “l'Italia avrebbe bisogno di una maggiore politica europea e per un europeista convinto come me non è facile non riuscire ad incidere. Una maggiore politica europea sarebbe necessaria - ha proseguito Padoa-Schioppa - non solo per l'Europa, ma anche per il nostro Paese. Serve uno sforzo comune per crescere. Governo centrale, Regioni e imprese hanno le chiavi della crescita". La crescita ha raggiunto anche il nostro Paese, "ma - ha aggiunto il ministro - essa è ancora bassa anche rispetto agli altri competitor". Il ministro, tra i problemi da rimuovere nel nostro Paese, ha citato le infrastrutture, "che sono carenti anche al Nord". Come esempio virtuoso di collaborazione tra governi locali e governo centrale, il ministro ha citato il Friuli Venezia Giulia: "Questa - ha spiegato - era una Regione di confine, oggi è centrale nell'Europa. Ho un rapporto molto stretto con questa Regione - ha proseguito - dove si è svolta la formazione della mia età giovanile e dove ho fatto il servizio militare. Allora ci dicevano che il nemico veniva sempre da Est. Oggi dalla guerra si è passati alla gara - ha detto il ministro - e la competizione si è ingentilita. La gara resta comunque molto difficile”. Il ministro ha concluso affermando che ''la ripresa e' già in atto'' e ''può consolidarsi in 5-10 anni'. Nessuna maledizione ci perseguitaa” e ''la ragione ci dice che l'esito favorevole e' possibile. La volontà cattiva, lusinga la pigrizia, suggerendo che sia irraggiungibile”, ha concluso il ministro.

Nel corso dell’evento inaugurale del Salone InnovAction sono stati proclamati i vincitori del primo European Award for Innovation Regions, promosso dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia insieme all’ARE (Assemblea delle Regioni d’Europa) di cui è presidente lo stesso Riccardo Illy.

La Giuria composta da rappresentanti delle istituzioni e accademici internazionali e presieduta da Isaac Getz, docente di Management della Creatività e dell'Innovazione alla ESCP-EAP European School of Management di Parigi, ha selezionato come vincitrice la Regione spagnola dell’Aragona con il progetto “Innova100: avvio di attività di innovazione in 100 aziende”. Due regioni austriache, il Vorarlberg con il progetto “Ufficio per le tematiche relazionate al futuro” (Buro fur Zukunfsfragen -ZuB) e la Stiria con il progetto “Strategia Regionale di Internazionalizzazione” (RIST) si sono invece classificate rispettivamente al secondo e al terzo posto.

Nel pomeriggio al via anche il Torneo dei Paradigmi coordinato dall’Università degli Studi di Udine. Un singolare “torneo” che si sviluppa attraverso dibattiti aperti tra due o più “campioni” che rappresentano posizioni diverse e spesso contrapposte su specifiche tematiche relative al progresso tecnologico e ai suoi riflessi sociali, un confronto serrato tra idee e soluzioni che interessano diversi ambiti: dalla medicina alla gestione e produzione dell’energia, dalle nanotecnologie alle biotecnologie vegetali.

Grande musica di innovazione tra gli eventi culturali di InnovAction: il Talk Show con uno dei riferimenti della musica elettronica mondiale, Martin Ware (oggi e domani) e il concerto del talento pianistico italiano definito dalla critica “il Mozart del 2000”, Giovanni Allevi, (alle h. 21, al Teatro Nuovo Giovanni da Udine).
Aperti al pubblico dei visitatori anche i 9 padiglioni disponibili sui 21mila mq della Fiera per oltre 600 espositori, provenienti da tutta Italia e da diversi Paesi europei in rappresentanza di Aziende, Università e Centri di Ricerca e che fanno del Salone InnovAction espressione e momento di incontro dell’eccellenza nella ricerca e nell’innovazione nazionale e internazionale.

Tra i tanti appuntamenti previsti dal ricco programma, si segnalano domani l’incontro con Derrick de Kerckhove, Nicholas Negroponte e Alejandro Jodorowsky.



• Primo European Award for Innovative Regions
Ad InnovAction premiati i progetti per l’innovazione delle regioni:
Aragón (E), Vorarlberg e Steiermark (A)

Nel corso dell’evento inaugurale del Salone InnovAction sono stati oggi proclamati i vincitori del primo European Award for Innovation Regions, promosso dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia insieme all’ARE (Assemblea delle Regioni d’Europa).
Il primo premio è stato assegnato alla Regione spagnola dell’Aragona con il progetto “Innova100: avvio di attività di innovazione in 100 aziende”. Due regioni austriache, il Vorarlberg con il progetto “Ufficio per le tematiche relazionate al futuro” (Buro fur Zukunfsfragen -ZuB) e la Stiria con il progetto “Strategia Regionale di Internazionalizzazione” (RIST) si sono invece classificate rispettivamente al secondo e al terzo posto.

A presiedere la cerimonia di premiazione sono stati Riccardo Illy, Presidente di ARE e Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Tommaso Padoa Schioppa, Ministro italiano dell’Economia e delle Finanze e Klaus Klipp, Segretario Generale ARE.

La Giuria internazionale che ha selezionato i progetti partecipanti era composta, oltre che da Klaus Klipp, da Isaac Getz, Professore di Innovation Management all’European School of Management di Parigi e da Peter Heydebreck, partner fondatore e Managing Director di AG in Karlsruhe.

L’European Award for Innovation Regions è un riconoscimento all’operato di autorità e istituzioni Regionali Europee che abbiano stimolato, sostenuto e implementato l’innovazione sul proprio territorio.

Il progetto vincitore, “Innova100: avvio di attività di innovazione in 100 aziende” è stato realizzato dalla Direzione Ricerca, Innovazione e Sviluppo della Pubblica Amministrazione di Aragona (DGRID), struttura creata dal Governo di Aragona nel 2003.
Il progetto mira ad introdurre le attività di ricerca e sviluppo nelle PMI (nella Regione di Aragon meno dell’1% delle aziende industriali ha più di 50 dipendenti), attori principali del panorama imprenditoriale locale. Nella Regione spagnola infatti nel 2003 la partecipazione delle aziende locali a ricerca, sviluppo ed innovazione era inferiore alla media europea.
I risultati ottenuti dal progetto hanno permesso al Governo dell’Aragona di riscrivere i propri Piani di Ricerca e Sviluppo e le proprie Strategie di Sviluppo.

Per il secondo progetto classificato, “Ufficio per le tematiche relazionate al futuro”, (ZuB) è stato istituito un ufficio ad hoc nell’Ufficio di Stato del Governo di Vorarlberg (lo ZuB appunto) alle dipendenze dirette del Governatore dello Stato. Lo ZuB è un’istituzione innovativa in grado di realizzare progetti sostenibili interdisciplinari, la prima occasione in Austria in cui una unità organizzativa mirante a promuovere e realizzare lo sviluppo sostenibile viene rivestiva di un ruolo di leadership all’interno di un’autorità statale e ha introdotto un grande numero di nuovi approcci partecipativi nel governo locale (stato e città).

Il Dipartimento per le Attività Economiche ed Innovazione del Governo della Stiria ha presentato il RIST, Strategia Regionale di Internazionalizzazione, terzo progetto classificato, il primo programma di cooperazione interregionale che coinvolge tutti gli attori della regione nel campo dell’economia. Per la sua realizzazione è stata creata una nuova public company, “InternationalisationcenterStyria”. RIST ha già prodotto 18 accordi di cooperazione con regioni di Croazia, Serbia, Polonia ed Ungheria, più di 400 progetti comuni con la partecipazione delle aziende stiriane (per un valore di oltre 1 miliardo di euro), un aumento della partecipazione delle aziende stiriane in progetti internazionali e più di 40 progetti EU comuni.

L’Assemblea delle Regioni d’Europa (ARE) è un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 14 organizzazioni interregionali e 250 regioni provenienti da 32 Paesi.
L’ARE è un forum democratico che permette ai suoi membri di esprimere le loro ambizioni politiche comuni e di agire insieme ai livelli europeo e internazionale. I suoi membri condividono il loro savoir-faire e la loro esperienza e sviluppano dei progetti di cooperazione.
L'ARE riconosce la diversità delle regioni d'Europa e mira a trasformare tale diversità in un punto di forza. Promuove la sussidiarietà, le strutture di democrazia regionale e l'eccellenza della governance regionale. Sostiene ugualmente le regioni affinché assicurino il legame fondamentale tra i cittadini e l'Europa.
(www.a-e-r.org).


• Negroponte e de Kerckhove ad InnovAction 2007

Al via il torneo dei Paradigmi con i grandi temi delle biotecnologie e delle politiche energetiche

Domani forum su creatività ed innovazione con il ministro Nicolais.

Già oltre 15.000 gli accrediti

Udine, 16 febbraio 2007 – Seconda giornata all’insegna ad InnovAction 2007 che oggi prosegue con il suo intenso programma di incontri e dibattiti.

Lusinghieri primi dati che dicono il successo dell’iniziativa: oltre 15.150 accrediti (alle 13,30 di oggi), oltre 600 espositori.

In particolare oggi presenti due protagonisti della ricerca e dell’innovazione introdotti da Orfeo Sbaizero (Prorettore dell’Università di Trieste): Derrick de Kerckhove (Direttore del Programma McLuhan sulla Cultura e la Tecnologia e Professore al Dipartimento Francese presso l’Università di Toronto) e Nicholas Negroponte (Autore del bestseller “Being Digital”, già presidente del MIT Media Lab di cui è stato uno dei fondatori), è Presidente dell’Associazione non-profit “One Laptop per Child”.

Per de Kerckhove siamo di fronte ad un salto di qualità quasi “quantico”. Passando dalla parola all’elettronica, l’intelligenza diviene un bene condiviso. Adesso con la rete, l’innovazione viene dalla connessione: l’innovazione oggi è favorita da nuove condizioni, nuovi tipi di collegamenti e connessioni.

Ma la cultura dell’innovazione è prima di tutto un’attitudine. L’innovazione richiede una predisposizione e un’apertura all’innovazione. Nella rete ci sono tendenze contrarie del controllo e dell’abbandono del controllo sul prodotto virtuale, sulla proprietà intellettuale o commerciale dell’informazione. Sembra oggi che la creatività più sorprendente esca dalla parte aperta del sistema della rete – e ogni tanto, forse anche lucrativa.

Fondamentalmente la rete si comporta replicando le logiche complementari del nostro cervello, dividendosi in una parte che “vede il tutto” (Open Source, Linux, wikimondo, etc.) e un’altra che analizza e controlla le cose (Semantic Web, Microsoft, Sony) sistemi proprietari che si chiudono su se stessi. Quando si dà all’utente la responsabilità di co-creare il servizio o il contenuto, è sempre il sistema co-creativo della rete che batte il sistema di pura diffusione: “Wikipedia batte Britannica, Blogger batte CNN, Epinions batte Consumer Reports e così via. Forse noi siamo l’era dell’ipercreatività connettiva.

Nicholas Negroponte affronta l tema del divario digitale e informativo dei paesi del terzo mondo, il cosiddetto Digital Divide e presenta il progetto ambizioso di portare l'informatizzazione e i dispositivi informativi come i computer là dove a malapena giunge la corrente elettrica.

L'idea di fondo è quella di un computer, portatile, tecnologicamente non costoso (intorno ai 100 dollari), elettricamente non troppo oneroso, con una suite completa di programmi non proprietari, orientato alla connessione ed indirizzato principalmente alle nuove generazioni. Oltre a ciò bisogna considerare il fatto che i paesi citati non offrono situazioni meteorologiche ottimali per i computer, fuori dagli uffici climatizzati e ben aerati, quindi il grande test tecnologico che questi computer dovranno superare sarà la loro funzionalità e adattabilità a polvere, umidità, scossoni, cadute e bagnato. Tutto ciò può essere letto come il primo passo verso un progetto ancor più ampio (“one laptop per child”) che non è solo di informatizzazione, ma bensì di istruzione. Il fine principale infatti sarà quello di sostituire i libri di testo con delle poco costose copie in formato digitale.

Entrati nel vivo anche il Torneo dei Paradigmi con i grandi temi delle Biotecnologie e scienze della vita, Politiche energetiche, salvaguardia dell’ambiente e cambiamenti climatici, Energia e gestione dell’ambiente.

Domani Forum su Creatività e innovazione per essere competitivi con la presenza del Mnistro per la Funzione Pubblica e l’Innovazione, Luigi Nicolais
Coordinati da Andrea Pezzi, (conduttore, autore televisivo e Presidente di OVO), Jonas Ridderstraale interverrà sul tema La nuova sfida della Leadership; Derrick de Kerckhove su Implementare la cultura dell’innovazione, mentre Nick Kojey Strass (Seriously Digital), Oliviero Toscani (fotografo) e Antonio Campo Dall’Orto (MTV) discuteranno di Innovazione e creatività nella comunicazione e nel marketing.

A seguire, nella seconda parte della mattinata, una Tavola rotonda su Creatività e innovazione per competere nel mercato globale alla quale parteciperanno Enzo Biagini (Apple Italia), Claudio Baggiani (Whirlpool Europe), Luigi Campello (Electrolux Italia), Armin Pfoh (Director, GE Global Research Center), Edi Snaidero (Snaidero), Giannola Bulfoni Nonino (Nonino distillatori).

Serata di sabato all’insegna della musica con il concerto di Lara-B, cantautrice pop-rock slovena, e con i dj, vj e ospiti a cura di MTV.

InnovAction
15-18 Febbraio 2007 - Fiera di Udine
Informazioni su programma, eventi, espositori, servizi, accredito on-line:
www.innovactionfair.com

per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa Udine Fiere spa
Maria Luisa Rosso
Tel. 0039/ 0432 / 495609
Fax 0039/ 0432 / 401378
rosso@udinegoriziafiere.it
www.udinegoriziafiere.it

D’Antona&Partnerswww.dandp.it
Andrea Sarto
tel. 02 8545701
cell. 3484 928491

http://www.udinegoriziafiere.it














Cerca dentro NOEMA - Search inside NOEMA



Iscriviti! - Join!

 

RSS

 

Top