NOEMA Home › IDEAS
Tecnologie e Società

 

Ho visto cose...
Francesco Gardellin

 

CASA DI CULTURA POPOLARE
Società Generale di Mutuo Soccorso

A cura di:

SconfinaMenti
FILOSOFIA AL CINEMA
CINEMA E PSICHIATRIA



“Ho visto cose...”
L’immaginario di Philip K. Dick tra visionarietà e paranoia, tra cinema e narrazione


PROGRAMMA DEGLI INCONTRI

lunedi’ 6 febbraio
TOTAL RECALL (Atto di forza) (1990)
di Paul Verhoeven
a cura di Monica Bonollo, architetto e Cristina Borin, storica dell’Arte.

lunedi’ 13 febbraio
MINORITY REPORT (2004)
di Steven Spielberg
a cura di Diana Sartori,filosofa e Laura Bellin, psichiatra

lunedi’ 20 febbraio
SCREAMERS (1995)
Christian Duguay
a cura di Lorena Garzotto, danzaterapeuta e Roberto Coppini, psichiatra

lunedi’ 27 febbraio
PAYCHECK (2003)
di John Woo
a cura di Sonia Bardella, psichiatra e Raffaello Conti, psicologo.

lunedi’ 6 marzo
BLADE RUNNER (1982)
di Ridley Scott
a cura di Diego Saccon, psichiatra e Paolo Vidali, filosofo.




Tutti gli incontri si terranno in Sala Lampertico, Corso Palladio, 176 a Vicenza, con inizio alle ore 20.30.

Per la partecipazione a tutti gli incontri è previsto un contributo di 20 euro (per i soci SGMS 15 euro).
Per un singolo incontro, in rapporto alla disponibilità di posti in sala,: 5 euro.

L’iscrizione si effettua - fino ad esaurimento dei posti - alla segreteria della Casa di Cultura Popolare:
Corso Palladio, 176 aVicenza
tel. e fax 0444/546078
e-mail: sgms@sgms.it


Se è vero che il linguaggio cinematografico costituisce una concreta possibilità di dare forma alle suggestioni proprie della narrazione di Philip K. Dick, di tradurre in immagini le visioni, è altrettanto vero che lo scrittore si espresse con una certa ostilità nei confronti del cinema di fantascienza, almeno di quello costruito sugli effetti speciali.

Tuttavia, è frequente la trasposizione filmica di storie o spunti narrativi più e meno direttamente desunti dalle pagine di questo autore, in particolare dai racconti più semplici rispetto alle trame articolate e complesse dei romanzi.
E proprio la semplicità dei racconti consente a registi e sceneggiatori di operare una riscrittura, in cui trovano spazio sia le inquietudini, individuali e collettive, del momento attuale, sia le evidenti e a volte chiassose concessioni al business e alle esigenze di un cinema anche commerciale.
Sono certamente dei “tradimenti”, se pure nel rispetto della tensione narrativa propria di Dick, ma sono anche segni inequivocabili della vitalità di queste stesse invenzioni, capaci sempre di indurre il lettore ad una riflessione problematica.

Ci sono poi varie ragioni per cui Dick richiama l’interesse, tra le altre, delle discipline psicologico-psichiatriche, filosofiche, storico-letterarie: la sua opera trabocca di riferimenti espliciti ai temi dell’identità, della memoria, alle distorsioni delle funzioni psichiche, al disagio emotivo ed esistenziale, ai percorsi iniziatici psichedelici, all’uso di stupefacenti, fino ai temi più prossimi alla “perdita dell’evidenza naturale del mondo”; non ultimo il tema attuale degli interventi medico-tecnologici sul corpo attraverso trapianti, chirurgia plastica, uso di cellule staminali, clonazione, che ricorda molto gli ibridi di cui parla Dick.


CASA DI CULTURA POPOLARE
Società Generale di Mutuo Soccorso (SGSM)
Corso Palladio, 176 - 36100 Vicenza -
tel. e fax 0444/546078
e-mail: sgms@sgms.it
Sito: www.sgms.it


SconfinaMenti
Contrà Pasini, 18 - 36100 Vicenza -
tel. 0444/322090
e-mail: sconfinamenti@fastwebnet.it


FILOSOFIA AL CINEMA
e-mail: dianasar@libero.it

CINEMA E PSICHIATRIA
e-mail: l.bellin@virgilio.it


Enti promotori:

Società Italiana di Psichiatria (Sezione del Veneto)
SconfinaMenti (Associazione culturale interdisciplinare – Vicenza)
Società Generale del Mutuo Soccorso – Casa di Cultura Popolare (vicenza)

Patrocinii richiesti:

Università Di Vicenza
Provincia di Vicenza
Comune di Vicenza
Ulss n. 6 di Vicenza (Dipartimento di Salute Mentale – Dipartimento per le Dipendenze)

Sede e data:

Vicenza, 17 marzo 2006
Palazzo del Monte
Contrà del Monte, 13

Titolo:

DALLA CRISI DELL’UMANO ALLA CREAZIONE DI NUOVI MONDI.
Identità, sostanze, paranoia, attraverso l’immaginario di Philip K. Dick.


Programma:


8.15 Registrazione dei partecipanti

8.45 Inizio dei lavori e saluti delle Autorità


Moderatori: Domenica Boaria, Francesco Gardellin

9.00 Il mondo secondo Philip.K. Dick: narrazioni americane
Carlo Pagetti

9.30 Narrazione e frammentazione del mondo: psicopatologia del pensare quotidiano
Andrea Angelozzi
Gerardo Favaretto

10.00 LAVORO INTERATTIVO CON I DOCENTI: materiali filmati, esercitazioni cliniche.

10.30 Coffee break

11.00 La paranoia e le sindromi correlate: evidenze nella terapia farmacologica.
Lucio Ghio

11.30 “Droghe, allucinazioni e ricerca della realtà”.
Scenario del consumo di stupefacenti negli ultimi 40 anni.
Determinanti dell'uso di sostanze e conseguenze psicopatologiche.
Fabrizio Schifano

12.00 Visioni dal futuro. Precognizioni del sociale e dell'umano. “Questi occhi hanno visto cose...”, molto prima di noi.
Gianfranco Bettin


12.30 LAVORO INTERATTIVO CON I DOCENTI: materiali filmati, esercitazioni cliniche.


13.00 Colazione di lavoro


Sessione pomeridiana

Moderatori: Diana Sartori, Diego Saccon


14.30 “Non siamo morti, ma neppure vivi”
Identità, macchina e morte in P.K.Dick
Antonio Caronia.

15.00 L'universo femminile secondo P.K. Dick
Oriana Palusci

15.30 Da "Total Recall" a "Paycheck".
La fantascienza nella cinematografia contemporanea.
Esegesi, omaggio, fascinazione e plagio dell'opera di P.K.Dick.
Gianni Canova

16.00 LAVORO INTERATTIVO CON I DOCENTI: materiali filmati, esercitazioni cliniche.

17.00 Consegna dei questionari e chiusura dei lavori


Relatori e moderatori:



Andrea Angelozzi
Psichiatra, Dipartimento Salute Mentale ULSS 16 Padova

Gianfranco Bettin
Scrittore, Sociologo, Venezia.

Domenica Boaria
Psicologa, psicoterapeuta, Vicenza

Gianni Canova
Professore ordinario di Storia e Critica del Cinema, IULM, Milano; critico di “Sky Cinema” Direttore della rivista “I duellanti ”.

Antonio Caronia
Accademia di Belle Arti di Brera. Planetary Collegium, University of Plymouth

Gerardo Favaretto
Psichiatra, Dipartimento Salute Mentale ULSS 9, Treviso

Francesco Gardellin
Psichiatra, Dipartimento Salute Mentale ULSS 6, Vicenza

Lucio Ghio
Psichiatra, Clinica Psichiatrica Università degli Studi di Genova

Carlo Pagetti
Professore ordinario di Letteratura Inglese, Università degli Studi di Milano

Oriana Palusci
Professore ordinario di Lingua Inglese, Università di Trento

Diego Saccon
Psichiatra, Dipartimento delle Dipendenze ULSS10, Veneto Orientale

Diana Sartori
Filosofa, Vicenza

Fabrizio Schifano
Primario Psichiatra e Professore Associato
Division of Mental Health-Addictive Behaviour
St George's University of London

Il lavoro interattivo con i docenti e le esercitazioni cliniche saranno a cura dell’Associazione SconfinaMenti

Luisa Consolaro
Psichiatra, psicoterapeuta
Nicolò Melanotte
Storico dell’arte
Roberto Coppini
Psichiatra, psicoterapeuta
Michela Pantano
Psicologa, psicoterapeuta
Marcella Baldo
Psichiatra, psicoterapeuta
Lorena Garzotto
Danzaterapeuta
Alessandra Sala
Psichiatra, psicoterapeuta


Segreteria scientifica:

Francesco Gardellin
Andrea Angelozzi
Gerardo Favaretto
Diego Saccon
Diana Sartori

SconfinaMenti (Associazione culturale interdisciplinare – Vicenza)

Segreteria Organizzativa

SILVIA DE PRATO CONGRESSI

Corso del Popolo 86/d
30172 Mestre (VE)
tel. e fax 041-5442112
cell. 335-486927
mail: info@silviadeprato.it
sito: www.silviadeprato.it


RAZIONALE SCIENTIFICO DEL CONVEGNO

Il convegno tratta della psicopatologia, della clinica e del trattamento dei disturbi psicotici, segnatamente di quelli paranoidei e dell’abuso di sostanze.

Per affrontare l’argomento è stato scelto un taglio particolare offerto dall’analisi dell’opera di Philip. K. Dick, autore di culto della scena letteraria contemporanea: nella sua biografia personale, nei suoi interessi intellettuali, nel contenuto della sua opera e nella mole di materiale cinematografico direttamente o indirettamente ispirato ai suoi lavori si rinviene un’enorme quantità di spunti su queste tematiche.
Per questa ragione sono stati coinvolti oltre a psichiatri, psicoterapeuti, farmacologi ed esperti di sostanze d’abuso, anche sociologi, filosofi, critici letterari e cinematografici di fama.

Ci sono varie ragioni per cui Dick richiama l’interesse, tra le altre, delle discipline psicologico-psichiatriche: la sua opera trabocca di riferimenti espliciti ai temi dell’identità, della memoria, alle distorsioni delle funzioni psichiche superiori, al disagio emotivo ed esistenziale, ai percorsi iniziatici psichedelici, all’uso di stupefacenti, fino ai temi più prossimi alla “perdita dell’evidenza naturale del mondo”, alla paranoia in senso tecnico, alle dispercezioni allucinatorie, alla visionarietà, talvolta patologica talvolta prossima ad una sorta di capacità divinatoria sull’evoluzione che avrebbe subito la società occidentale e che è, per molti aspetti, sotto i nostri occhi.
I mondi di Dick sono popolati di macchine che svolgono le funzioni di psichiatri e psicoanalisti (Il dottor Sorriso del romanzo “Le tre stigmate di Palmer Eldrich”), da agenzie di “controllo psichico” (Mynority Report), a volte addirittura tutto un romanzo è incentrato su protagonisti affetti da specifici disturbi psichiatrici (“Follia per sette clan”). La presenza di sostanze psicotrope è presente in tutti gli universi inventati da Dick: sostanze che consolano gli umani trasferiti a forza su Marte per un programma governativo (“Il mondo di Perky Pat”), sostanze attraverso cui alcune entità aliene poco alla volta cercano di impadronirsi di pianeti ed imperi, o attraverso cui gli umani si connettono ad entità spirituali che saturano il bisogno di religiosità che permane anche nell’umanità derelitta spesso protagonista dell’opera dello scrittore.

Il convegno è organizzato in modo che i contributi dei relatori di diversa formazione saranno rielaborati in tre momenti di lavoro interattivo: i partecipanti, sotto la guida di conduttori psichiatri e psicologi, verranno coinvolti in esercitazioni che focalizzeranno l’attenzione sulle tematiche cliniche e sul trattamento


http://www.silviadeprato.it














Cerca dentro NOEMA - Search inside NOEMA



Iscriviti! - Join!

 

RSS

 

Top